Egitto-Israele: Il Sinai e il rebus della sicurezza

FocusFocus

Ogni vuoto di potere porta con sé un nugolo di micro-poteri.  Frammentati ma persistenti, a volte in diretta competizione fra loro e incarnati (o sostenuti) da attori esterni: la storia politica recente della penisola del Sinai è un condensato di tutto ciò. Con un paradosso: la regione egiziana sembra aver raggiunto un autonomo equilibrio interno –seppur disfunzionale- proprio ora che i vicini ne percepiscono il potenziale destabilizzante per l’intera regione mediorientale. E il recente scontro militare fra Hamas e Israele è destinato ad accrescere l’interesse geopolitico nei confronti della penisola. Sinai è infatti sinonimo di sicurezza nazionale non solo per l’Egitto, ma anche per Israele, visto che gli Accordi di Camp David del 1979 furono modellati intorno al suo confine labile, più volte violato e inesistente da un punto di vista tribale. Sinai significa sicurezza energetica per Israele e Giordania, poiché qui si snodano le pipelines che trasportano il gas a Est e che costituiscono un tassello di fondamentale sicurezza economica per Il Cairo. Mentre per la Striscia di Gaza controllata da Hamas –e sottoposta a embargo- la penisola rappresenta un imprescindibile canale, sia di sopravvivenza umanitaria che di approvvigionamento militare. Dopo la stretta securitaria imposta dal regime di Mubarak, il presidente Morsi sembra tentare la via del dialogo con la popolazione beduina del Sinai, resa però diffidente da anni di discriminazione nonché di impoverimento territoriale subiti. Così, mentre il  jihadismo pare essersi già insinuato in numerosi gruppi salafiti locali, le politiche dei Fratelli Musulmani al potere –in coabitazione con le Forze Armate, da sempre riluttanti a una presenza diretta nella penisola- potrebbero tornare presto a ricalcare quelle intraprese in passato.

continua a leggere il focus

Copyright Equilibri

ISSN: 2038-999X 

I contenuti prodotti da Equilibri.net non sono riproducibili né per intero né in alcuna loro parte. In caso di utilizzo commerciale è necessario richiedere l'autorizzazione scritta a Equilibri.net. Gli articoli pubblicati potrebbero non riflettere l'opinione dei gestori del sito. Registrazione al Tribunale di Firenze del 19 gennaio 2004, n° 5320.

CheckpointCheckpoints
15 Dec 2013 | Emanuele Schibotto
Mentre nelle pianure europee si costruisce sempre meno, nei deserti arabi il valore dei mega-progetti in corso di
14 Sep 2013 | Ana Marie Cox
When one story dominates the news cycle for days on end, it's not just tedious; we're also less well-informed on
01 Sep 2013 | Guardian
Behind more moderate rhetoric, some still expect Tehran to stand shoulder-to-shoulder with Damascus if latter is attacked.http://www.theguardian.com/world/iran-blog/2013/aug/30/iran-us-attack-syria-restraint 
InsightsInsights
10 Apr 2014 | Raffaele Petroni
Le relazioni pubbliche, in tempo di negoziati, svolgono un ruolo cruciale per spostare a proprio favore la bilancia del consenso
21 Marzo 2014 | Isadora Bilancino
L’ICE, agenzia per la promozione all’estero e internazionalizzazione delle piccole e medie imprese, è stata fondata nel 1926,
15 Feb 2014 | Valentina Gadotti
(Istanbul) - Le proteste scoppiate lo scorso 5 gennaio hanno attirato l'attenzione internazionale sullo spinoso tema della gestione
FocusFocus & Research
24 Dec 2013 | Maria Gloria Polimeno
In the aftermath of the coup d’etát, the Sinai as unstable area since the 70’s, has collapsed into
27 Apr 2013 | Eleonora Ardemagni
La regione orientale siriana, racchiusa fra i governatorati di Raqqa, Deir ez-Zor e al-Hasakah, è una porzione di Siria in
17 Marzo 2013 | Laura Rachele Galeotti
Con l’ascesa alla presidenza di Mahmoud Ahmadi-Nejad, il Corpo dei Pasdaran della Rivoluzione Islamica (Irgc) è riuscito, progressivamente, a far